NientediPersonale.com

Votate Ma nominare il segretario del PD spetta agli iscritti

Votate Ma nominare il segretario del PD spetta agli iscritti
02 Marzo
20:39 2019

Domani si vota per nominare il segretario del Pd attraverso le primarie. I candidati sono tre esponenti di questo partito e hanno presentato ciascuno una loro piattaforma politico-programmatica. Penso che gli iscritti, pochi, gli elettori e chi vuole rafforzare la presenza di questo partito nel Paese è bene che vadano a votare. Io sono contro l’astensionismo e il disinteresse per vicende che, bene o male, sono dei momenti di partecipazione politica.

Fatta questa premessa, debbo confermare quel che dico da anni: l’elezione del segretario di un partito, con le primarie non riservate solo agli iscritti ma con la partecipazione di cittadini che comunque vogliono sostenere quel partito e considerano giusto parteciparvi, è un nonsenso. Si tratta di una pratica che avviene soltanto in Italia. Da quando esistono i partiti, in tutto il mondo così come in qualsiasi associazione privata, il segretario è eletto solo dagli iscritti. Si è voluto scimmiottare gli Usa dove le primarie sono praticate per le istituzioni e dove occorre registrarsi, come vuole la legge, se il cittadino è democratico, repubblicano o indipendente. Eleggere il segretario con le primarie non è una investitura più democratica: è una liquefazione di quella investitura. Confondere questo metodo per un congresso, come prevede lo statuto del Pd, significa non fare il congresso. È un caso che il Pd, con questo rito, ha impiegato un anno, dal 4 marzo del 2018 al 3 marzo del 2019, per eleggere il nuovo segretario?

Eppure, si è trattato di un anno cruciale per lo stesso Pd e per la democrazia italiana. Il Pd faccia le primarie, soprattutto in presenza di una coalizione, quando ci sono le elezioni per nominare il candidato alla presidenza del Consiglio e, come ho detto, le riservi solo agli iscritti quando si tratta del segretario del partito. Se gli iscritti non sono chiamati nemmeno a nominare il loro segretario significa che non contano nulla. Infine, mi stupisce che nessuno dei tre candidati abbia posto il problema di riformare il Pd per farne un vero partito e non un aggregato elettorale., L’ha detto Peppe Provenzano che sta nel gruppo di Zingaretti. Ma, dopo queste elezioni, spero che questo tema venga ripreso da tutte le componenti. Buon lavoro.

About Author

Emanuele Macaluso

Emanuele Macaluso

Politico, sindacalista e giornalista italiano

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Cerca nel sito

Seguici su




Commenti Recenti

Grazie, Livio, per queste considerazioni che meritano di essere diffuse....

Sono felice di constatare che c'è ancora chi non smette di parlare della grande Fallaci...

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato in...

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial