NientediPersonale.com

Il nuovo arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, il “bergogliano” aperto alla società pluralista

Il nuovo arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, il “bergogliano” aperto alla società pluralista
22 Febbraio
10:15 2016

Chi è il nuovo arcivescovo di Palermo? La biografia – che per altro non registra eventi di particolare clamore – può dire qualcosa. Ma ancora di più dicono i suoi primi gesti e le sue prime parole. E’ senz’altro istruttivo, dunque, avere a disposizione, in un maneggevolissimo volumetto curato da Antonio Sichera, Primi discorsi e omelie di don Corrado Lorefice (Il pozzo di Giacobbe, Trapani 2016, pp. 61, euro 5,00): più precisamente i discorsi del 5 dicembre 2015 (in piazza Pretoria e in Cattedrale), l’omelia in Cattedrale e il discorso in piazza San Domenico dell’8 dicembre, le omelie per l’inaugurazione dell’anno giubiliare e per il natale.

Da questi testi emerge un progetto di  “servizio” episcopale molto meno retorico-diplomatico del passato,  imbevuto della sincerità di chi conosce i propri limiti e la consistenza delle difficoltà che lo attendono, ma anche animato da una fede tanto sommessa quanto autentica. E proprio l’autenticità della fede lascia intravedere un’apertura alla società pluralista, e alle istanze della laicità, che solitamente difetta in chi  – insicuro delle proprie convinzioni e dei propri sentimenti – avverte l’esigenza di chiudersi  nella fortezza del ‘sacro’. Insomma, temi e soprattutto toni, di stampo ‘bergogliano’ che non vanno enfatizzati al di là delle reali intenzioni dell’autore, ma neppure minimizzati nella disperata e illusoria ricerca di una continuità ‘tradizionale’ che (per fortuna o per grazia di Dio) non c’è e non c’è mai stata in nessun  episcopato (a prescindere se le innovazioni siano state, ogni volta, apprezzabili o contestabili).

E’ in quest’ottica di sano realismo che si possono meglio valutare i passaggi in cui don Lorefice    – dopo aver ricordato ai palermitani (e, sullo sfondo, a tutti i corregionali)  di “essere un popolo che nel suo DNA ha la grandezza e il potere della relazione, la ricerca della pace e non della guerra, l’esaltazione della bellezza e non la distruzione del conflitto intestino, lo star bene insieme nella prosperità e nella gioia e non l’inimicizia e l’ingiustizia” –  aggiunge immediatamente: “Certo non mi nascondo il fatto  che la bellezza della nostra Palermo appare oggi spesso ferita, la sua antica grandezza afflitta da contraddizioni, la sua civiltà gloriosa piagata dalla violenza e dal sopruso”. Solo al cospetto di un quadro così mosso, attraversato da lampi di luce ma anche di nuvole oscure,  ha senso sbracciarsi le maniche e riprendere con più lena la fatica quotidiana – spesso anonima, lontana dalle luci della ribalta massmediatica – per “una Sicilia libera dai lacci della mafia e di tutte le mafie, dai veleni del clientelismo e del cinismo, dalla disillusione e dalla disperazione dei giovani costretti a partire e degli adulti senza lavoro, libera dalla difficoltà economica e dalle contraddizioni sociali, dalla povertà e dall’ingiustizia, dal pressappochismo e dalla rassegnazione”.

Un impegno talmente gravoso da esigere assolutamente cooperazione, sinergia, fra chiesa cattolica e ogni altra agenzia educativa e operativa (dalle altre chiese cristiane alle varie comunità di diverse confessioni religiose presenti in città, dalle istituzioni locali alla scuola, dall’associazionismo laico  al mondo della produzione intellettuale e artistica, passando per i pezzi ancora non inquinati di partiti politici e sindacati): “I cristiani non hanno nulla di più e di diverso dagli altri. Vivono le ansie e le sofferenze della storia. E come tutti attendono una liberazione e un riscatto, lavorando insieme ad ogni donna e a ogni uomo, di qualunque fede, cultura o estrazione essi siano, alacremente e nella speranza. In questo cammino comune, che unisce tutti al di là di ogni steccato, la nostra bussola io credo debba essere la Costituzione della Repubblica italiana”, in particolare “quell’articolo 3 che come cittadini, ognuno nella propria responsabilità e nel proprio ruolo, siamo chiamati a rendere reale nella nostra pratica quotidiana”.

 

www.augustocavadi.com

About Author

Augusto Cavadi

Augusto Cavadi

Filosofo consulente riconosciuto dall’Associazione “Phronesis”

Related Articles

0 Comments

No Comments Yet!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Write a comment

Write a Comment

Cerca nel sito

Seguici su




Commenti Recenti

Grazie, Livio, per queste considerazioni che meritano di essere diffuse....

Sono felice di constatare che c'è ancora chi non smette di parlare della grande Fallaci...

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato in...

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial