NientediPersonale.com

Un giorno il PD riunì la segreteria in periferia

Un giorno il PD riunì la segreteria in periferia
Aprile 05
07:37 2019

La tv ci ha fatto vedere cosa è avvenuto in un quartiere della periferia romana, Torre Maura, dove 75 rom dovevano essere ospitati in una struttura di accoglienza dopo l’affidamento ai servizi sociali gestiti da una cooperativa. Tra i 75 rom, molti bambini. Ebbene, incitati dai fascisti di Casapound, un folto gruppo di abitanti del quartiere ha sbarrato i cancelli del centro di accoglienza dove era arrivato un primo gruppo di rom. La manifestazione ha assunto un carattere nettamente razzista e le foto pubblicate dai giornali hanno mostrato i teppisti di Casapound mentre fanno il saluto fascista. A questo punto il Comune di Roma ha deciso di dirottare i rom in altre strutture.

Questo è un altro segnale di cosa sta avvenendo nel nostro Paese. L’odio che trasmettevano alcuni manifestanti e, soprattutto la teppa di Casapound, contro i rom richiamava alla mente di chi conosce la Storia, il clima degli anni in cui i rom furono spediti nei campi di concentramento e bruciati nei forni insieme agli ebrei. I fatti di Torre Maura si sommano a tanti altri e sono il frutto velenoso del vento della destra sovranista e razzista che spira negli Usa con Trump, dove però c’è una forte reazione politica e popolare e che spira in Europa soprattutto nel nostro Paese.

In questi giorni si sta svolgendo una “nobile” gara tra la signora Meloni, che vanta un incontro ultrasovranista con il polacco Kaczynski, ed il ministro Salvini il quale sta preparando un appello per unire la destra sovranista in Europa in un gruppo parlamentare diverso da quello dei conservatori dove si ritroverebbero i polacchi con la Meloni. Come abbiamo scritto su questo spazio, in Polonia il partito di Kaczynski è in difficoltà e l’opposizione democratica lotta con tenacia, dopo la vittoria nella città di Danzica, dove era stato ucciso il sindaco. I sondaggi premiano il partito di opposizione. E in Italia?

Ecco la questione su cui abbiamo cercato di richiamare l’attenzione del Pd. A Torre Maura, come in altre periferie, non ci sono il Pd, non c’è visibile alcuna altra sinistra in grado di svolgere una battaglia politica, culturale e anche sociale contro la destra. Tempo fa l’ex segretario del Pd, Maurizio Martina, riunì la segreteria a Tor Bella Monaca, con tanto clamore, come un segnale di attenzione alle periferie romane. Ma, chiusa quella riunione, si è anche chiusa ogni presenza attiva e combattiva in quelle zone.

Quando in questi giorni abbiamo scritto su una riforma del Pd, pensavamo e pensiamo ancora ad un partito che riprenda i rapporti con il popolo delle periferie non solo con dichiarazioni del segretario e discorsi parlamentari ma attraverso una presenza organizzata in cui una parte di quel popolo possa trovare modo di esprimersi con continuità in contrapposizione alla destra. Aggiungo che anche il sindacato, a mio avviso, deve riflettere su questa deriva che riguarda non solo Roma, anche perché la cultura che la destra diffonde contraddice anche con i valori e il ruolo del sindacato. Parole al vento le mie? Spero proprio di no.

Sull'Autore

Emanuele Macaluso

Emanuele Macaluso

Politico, sindacalista e giornalista italiano

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial