NientediPersonale.com

Scenari elettorali futuri: Lega contro tutti?

Scenari elettorali futuri: Lega contro tutti?
Febbraio 08
07:38 2019

E’ ancora presto per fare pronostici o anche fare il nostro gioco abituale sulle soglie al di sopra ed al di sotto delle quali un partito può dire di aver vinto o perso ed in che misura, non fosse altro perché non sappiamo quali e quante liste si presenteranno e si parla di diverse liste nuove, non presenti alle politiche.

C’è chi parla di una possibile lista della Lega Nord in contrapposizione alla Lega Nazionale di Salvini, poi c’è l’ipotesi di una nuova Dc che confedera tutti gli attuali 5 gruppi che si rifanno ad essa magari con l’aggiunta della Comunità di San’Egidio e l’appoggio della Cei, c’è poi chi parla di la lista Pizzarotti (forse con i Verdi, forse con la Bonino o forse da solo), poi c’è la ben nota lista di De Magistris già annunciata e che potrebbe comprendere Rifondazione e Sinistra Italiana ma anche non presentarsi affatto, c’è ovviamente Potere al Popolo, poi anche Mimmo Lucano ha accennato ad una sua possibile lista, non si sa che fine fa Leu eccetera.

Siccome c’è l’ostacolo delle firme, molti non giungeranno ai nastri di partenza, ma, insomma un paio di liste nuove è ragionevole che ci siano, forse anche tre.

Quando avremo il quadro completo potremo fare discorsi più fondati, per ora facciamo un discorso molto in generale prendendo in considerazione solo le due macro aggregazioni su cui possiamo ragionare: centro destra (Lega, FdI, Fi) contro gli altri; maggioranza di governo (M5s-Lega) contro gli altri.

Avvertenza preliminare: il dato delle europee è falsato dal diverso peso dell’astensione, infatti, mediamente fra le politiche e le europee c’è uno scorrimento di quasi il 10% in meno alle europee evidentemente meno sentite dagli italiani delle politiche, per cui poi è difficile capire quale partito sia più penalizzato degli altri in questa occasione. Ora veniamo al merito.

Nelle politiche del 4 marzo scorso, i tre partiti del centro destra totalizzarono circa il 38%includendo anche le liste minori che non entrarono in Parlamento. 

Facciamo una previsione minima ed una massima: quella minima potrebbe essere la conservazione del 38%, con un modesto flusso dal M5s che compensa eventuali perdite di stesso valore verso nuove liste (in particolate la nuova Dc). Questa valutazione sconta un andamento pari alla media delle astensioni con variazioni non significative sul totale. Difficile prevedere un arretramento.

L’ipotesi massima prevede il mantenimento di tutta la percentuale del 2018 cui aggiungere un consistente flusso dal M5s (ipotizziamo un 4%) mentre non è ragionevole prevedere un flusso in entrata dal Pd o da altre formazioni.

Dunque, grosso modo, un risultato intorno al 42-43%. Spiego perché non è prevedibile un flusso superiore al 4% dal M5s: è ragionevole prevedere che le eventuali perdite del M5s non saranno solo verso la Lega, ma anche verso l’astensione, una eventuale lista De Magistris o magari Pizzarotti, per cui una flessione del 4% verso la Lega corrisponderebbe ad un rispettabile -6/7% totale, difficile , allo stato attuale, ipotizzare una flessione più accentuata.

Dunque, una punta massima del 42-43% che però è poco probabile: è difficile che il blocco non abbia nessuna perdita anche minima dal suo risultato precedente, per cui realisticamente il risultato finale potrebbe oscillare fra il 39 ed il 41%. Due valori che potrebbero significare, almeno sulla carta, la conquista della maggioranza assoluta dei seggi o meno.

Valutiamo ora la maggioranza di governo: i sondaggi sinora la accreditano di un 60% di consensi,ma non tengono conto di liste nuove né di altre aggregazioni. E’ difficile pensare che il M5s conservi intatto il suo 32%, mentre è realistico pensare che la Lega avanzi, ma, anche se il M5s dovesse attestarsi ad un ipotetico 28%, la Lega dovrebbe arrivare al 32% per totalizzare il 60%.

Non è probabile, anche perché, se il M5s contiene le sue perdite (e per il ragionamento precedente, un eventuale -5% non andrebbe tutto alla Lega, mentre è realistico che il quel caso il flusso sia del 2/3%). Se poi l’emorragia del M5s dovesse essere superiore, la somma delle due forze sarebbe comunque inferiore al 60% a meno che la Lega non riassorba quasi tutta Fi e parte dei FdI: difficile. Più realisticamente è plausibile che il blocco di maggioranza si aggirerà fra il 53 ed il 54%.

E questo scenario dipinge due derby: quello Lega-M5s per chi avrà più voti nella coalizione di governo e quello fra Lega e Fi per capire se esiste ancora una destra non Lega. Ovviamente confronti per ora virtuali in vista di eventuali politiche.

Dunque prepariamoci allo scontro Lega contro tutti con una avvertenza: al di sopra di una certa soglia la Lega è costretta a chiedere elezioni anticipate, a meno di perdere il momento magico. Ma non è affatto detto che, alla fine, la Lega abbia il grande successo che gli si pronostica: 4 mesi e mezzo sono tanti ed anche se è scontato che la Lega avanzerà sulle politiche, non è affatto scontato che avanzerà addirittura di 13-14 punti.

Sull'Autore

Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Ricercatore in Storia Contemporanea all’Università degli Studi di Milano

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial