NientediPersonale.com

Le conseguenze economiche dell’ascesa cinese

Le conseguenze economiche dell’ascesa cinese
Settembre 18
08:17 2018

 

Nel quadro dell’espansione della nuova rotta della seta, la Cina ha concluso diversi accordi internazionali con i Paesi che si trovano lungo questo itinerario commerciale, creando nuovi strumenti di risoluzione delle liti così come avevano tentato di fare gli USA con il TAFTA. Essendosi assicurato un potere non più limitato dalla durata dei mandati, Xi Jinping ha ricordato, di recente, il ruolo di preminenza della politica sull’economia, che non deve mai cessare di essere diretta.

Ha incitato i propri compatrioti ad avere «il coraggio di impegnarsi anche in battaglie sanguinose contro i propri nemici» (discorso del 20 marzo 2018). Gli USA sembrano scoprire un po’ ingenuamente, a meno che non facciano gli ingenui, che la Cina ha imbrogliato il WTO, al quale è stata costretta – a meno che non sia stata una mossa furba – ad aderire nel 2001. È evidente che la Cina sia oggi in procinto di diventare la prima potenza mondiale. Essa controlla allo stato attuale il 30% dei buoni del tesoro americano ed ha la capacità di mettere in difficoltà l’economia americana, quando lo desidera. L’uso della dottrina Monroe da parte degli USA non può fermare l’inesorabile ascesa della Cina; l’imposizione dello yuan come moneta di riferimento potrebbe essere un’ipotesi tutt’altro che improbabile nel medio periodo. Inoltre l’aggressività degli USA non può contrastare a proprio vantaggio il rimescolamento dei rapporti di forza a livello economico e lo spostamento verso l’Asia del cuore dell’economia mondiale. La recente conclusione di uno storico accordo di libero scambio fra l’Unione europea ed il Giappone come la volontà espressa dall’Iran di integrarsi nell’Organizzazione per la cooperazione di Shangai costituiscono le premesse per la crisi di quel Nuovo Ordine Mondiale instaurato dopo il 1991.

Di conseguenza, in questo contesto di guerra economica e di ascesa della potenza cinese, l’Europa ha il dovere di dotarsi di un’autonomia strategica in modo da avere un ruolo nella scena economica mondiale. Solo prendendo in considerazione l’idea che si debbano difendere i propri interessi economici e strategici, in seno ad una competizione economica esacerbata di fronte alla quale essa si trova quotidianamente esposta, potrà permettere all’euro di esistere come moneta complementare allo yuan. Per fare questo, bisogna creare una maggiore solidarietà fra gli Stati membri dell’UE ed affermare la loro autodeterminazione strategica su alcune questioni, sulle quali essi sono trattati dai propri alleati come nemici, nella misura in cui la loro condotta non è coerente con i propri interessi. A mio avviso sarebbe opportuno tornare ad una politica pubblica industriale guidata dagli imperativi di sicurezza economica e staccata dal ricorso alle istituzioni americane (agenzie di rating, banche, moneta, aziende di consulenza ecc. …), che si sono ormai rivelate controproducenti, vettori di indebolimento se non addirittura di boicottaggio.

Sull'Autore

Giuseppe Gagliano

Giuseppe Gagliano

Presidente del Centro di Studi Strategici Carlo de Cristoforis

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial