NientediPersonale.com

“Italia contadina”, il libro di Pazzagli e Bonini

“Italia contadina”, il libro di Pazzagli e Bonini
settembre 18
07:14 2018

L’Italia deve molto ai contadini e all’agricoltura. La qualità dei cibi, la bellezza del paesaggio, un diffuso patrimonio territoriale che ha generato valori economici e culturali. A raccontarla, ripercorrendo la storia del nostro Paese a partire dagli anni Cinquanta, è “Italia contadina” (Aracne editrice), il libro di Rossano Pazzagli e Gabriella Bonini sponsorizzato da Cia-Agricoltori Italiani, che l’ha presentato a Roma in un incontro con gli autori nella sua sede nazionale.

Un lavoro che parte dall’analisi di quanto accadde dalla metà del Novecento con l’esodo rurale e i cambiamenti del paesaggio, che sono stati i segni più eloquenti di una grande trasformazione che ha privilegiato l’industria e la città, spezzando i legami con il territorio e marginalizzando il mondo rurale. Specialmente le aree interne, il lavoro e le imprese contadine hanno pagato un prezzo altissimo al boom economico. Oggi, nell’orizzonte della crisi strutturale del modello di sviluppo, è venuto il tempo di riannodare i fili con la storia rurale del Paese, di riprendere la strada della campagna.

Il volume propone una sintesi del declino del settore agricolo e apre uno squarcio di luce sulle possibilità di rinascita del mondo rurale, tra abbandoni e ritorni. È l’invito a un nuovo protagonismo e a una ritrovata dignità dell’Italia contadina e, quindi, degli imprenditori agricoli.

“L’opera di Pazzagli e Bonini ha, tra gli altri, il grande merito di fare chiarezza sulla vicenda agricola italiana e sull’evoluzione anche demografica del Paese, che si intreccia con la sua storia -ha detto il presidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani Dino Scanavino-. Un libro essenziale, la cui lettura andrà promossa presso i giovani, per ottenere una conoscenza più diffusa del passato e delle future potenzialità di un settore vitale per la tenuta socio-economica del Paese. Un comparto che necessita di un ricambio generazione per garantire il presidio del territorio e delle aree interne, favorendo occasioni di sviluppo”.

Sull'Autore

Dino Scanavino

Dino Scanavino

Inprenditore agricolo e presidente CIA-Agricoltori italiani

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial