NientediPersonale.com

CAFFÈ AMARO/Di Maio, i voucher e il Decreto Dignita’

CAFFÈ AMARO/Di Maio, i voucher e il Decreto Dignita’
luglio 19
08:17 2018

È molto preoccupante la risposta del Ministro Di Maio sui voucher. Indica che “vanno ripristinati per specifiche mansioni e tempistiche per i lavori domestici e per il settore agricolo”. Il Ministro sa bene che in agricoltura i voucher ci sono già, come sono previsti per tutti altri settori per le imprese con meno di 5 dipendenti a tempo indeterminato. Sono stati reintrodotti dal Governo Gentiloni: ora si chiamano “Contratto di prestazioni occasionali”. Tale Contratto prevede una contribuzione previdenziale ordinaria per evitare concorrenza al ribasso tra lavoratori. I voucher sono anche previsti per le famiglie attraverso un “Libretto” ad hoc. Allora è chiaro: L’obiettivo della Lega e di alcune associazioni datoriali iper-corporative, al quale temiamo che il Ministro Di Maio si pieghi, non è quello della flessibilità. È, in realtà, quello di tagliare il costo del lavoro, i compensi e le tutele dei lavoratori e dei lavoratrici coinvolte. Sarebbe un passo indietro inaccettabile: spiazzerebbe i riformandi Contratti a Tempo Determinato con e senza causali. Insomma, cambierebbe il senso economico e politico positivo dell’annunciato Decreto Dignità. Si tornerebbe nella scia degli interventi di precarizzazione attuati da due decenni.

Sull'Autore

Stefano Fassina

Stefano Fassina

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial