NientediPersonale.com

CAFFE’ AMARO

CAFFE’ AMARO
maggio 17
09:24 2018

Voglio augurarmi che questa storia di incredibile degrado al cui centro sta un personaggio come l’ex presidente della Confindustria siciliana sia solo un capitolo della macchina del fango spesso ordita da chi ha tutt’altra intenzione rispetto a quella di fare chiarezza e testimoniare giustizia. Purtroppo, da quel che è dato leggere, la mia speranza appare vana, visto che viene fuori un intreccio tanto perverso di corruzione, criminalità comune e mafiosa e politica di bassa lega che scuote quell’edificio dell’antimafia mafiosa difeso da chi spesso in buona fede si è fatto strumento di uomini e giochi perversi. Spiace, anche perché nell’immaginario collettivo tutto questo marciume si traduce in alimento per una generica protesta facile preda di, anche questi perversi, populismi inconcludenti, che proprio quella parte di sinistra che ha proclamato la propria diversità regalandoci i Crocetta di turno, venga oggi chiamata sul banco degli imputati per rispondere, quale corresponsabile del degrado, di molte di queste malefatte che, senza se e senza ma, purtroppo le appartengono.

Sull'Autore

Pasquale Hamel

Pasquale Hamel

Pasquale Hamel, nato nel 1949, residente a Palermo. Laureato in Giurisprudenza e filosofia, docente universitario, è stato funzionario parlamentare, giornalista e, attualmente, direttore del Museo del Risorgimento di Palermo. Autore di numerosi saggi sulla storia della Sicilia, si è ultimamente occupato del problema islamico.

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial