NientediPersonale.com

CAFFE’ AMARO/Il “fronte siriano”

CAFFE’ AMARO/Il “fronte siriano”
Aprile 14
07:08 2018

L’apertura del “fronte siriano” da parte di Stati Uniti, Francia e Regno Unito, credo sia una mossa azzardata e anche sul piano strategico poco condivisibile. La storia recente, mi riferisco all’Iraq e alla Libia, ha insegnato che questo tipo di azioni piuttosto che risolvere complicano le cose. Le azioni di guerra non avranno, infatti, altro effetto che quello di aprire nuovi fronti e creare nuovi problemi. Meglio sarebbe stato che i membri di questa coalizione, che giustifica il proprio intervento come umanitario, avessero provocato un intervento, non necessariamente bellico, della comunità internazionale per cercare di convincere Putin, che è l’alleato di Sadat, a intervenire nei confronti del dittatore siriano per impedirgli di ripetere le azioni indegne delle quali si è macchiato. In ogni caso, a quanti per motivi meschini ideologici o per pregiudizi condannano aprioristicamente l’azione militare promossa dagli USA magari chiudendo gli occhi su quanto accade in quel martoriato Paese, bisogna ricordare che il voltarsi dall’altra parte è comportamento altrettanto indegno.

Sull'Autore

Pasquale Hamel

Pasquale Hamel

Pasquale Hamel, nato nel 1949, residente a Palermo. Laureato in Giurisprudenza e filosofia, docente universitario, è stato funzionario parlamentare, giornalista e, attualmente, direttore del Museo del Risorgimento di Palermo. Autore di numerosi saggi sulla storia della Sicilia, si è ultimamente occupato del problema islamico.

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial