NientediPersonale.com

CAFFE’ AMARO/Si è fermato, il treno di Renzi si è fermato al di là del faro

CAFFE’ AMARO/Si è fermato, il treno di Renzi si è fermato al di là del faro
Ottobre 25
09:55 2017

Il viaggio del magico segretario si è infine sopito quando ancora dell’Italia mancava la parte più a mezzogiorno. Non avevo dubbi finisse così, sarebbe stato altrimenti complicato giustificare e giustificarsi la trogloditica situazione delle ferrovie sull’isola. Hai voglia, infatti, a discutere di ponti, infrastrutture, impegni, visioni quando la verità corre (si fa per dire) su binari che hanno la stessa identica forma di quelli posati nel XIX secolo poco dopo la annessione al Regno d’Italia. In Padania, mentre Renzi dava lo stop al capotreno, si votava per le autonomie regionali e la campagna autonomista passava per la solita litania della spesa pubblica. regioni ricche, stanche di far finta di essere solidali verso le regioni povere. regioni capaci di drenare la gran parte delle risorse, stanche di pensare che anche le rimanenti possano essere destinate a cittadini di quel malefico Sud fatto di gente sudaticcia e bradipa.
Così il treno si ferma ad Eboli, o su di lì. Così, nonostante o forse proprio per la campagna elettorale per le regionali, il segretario del maggiore partito d’Italia, l’ex premier e premier in pectore, tira il freno di emergenza e para la malafigura. In cambio ci manda il Ministro Del Rio che pare abbia lesinato belle chicche ad uno sceltissimo e poco folto pubblico. Che avrà detto, forse che anche lui, come la Lantieri, ha permesso il rifacimento della SP4? O forse che presto si metterà su la nuova panoramica, o ancora che la autostrada (ci piace chiamarla così) Palermo Catania sarà infine dotata di due vere corsie, quasi tutte senza interruzioni, senza buche, senza giunti tagliagomme? Oppure ha parlato di ferrovie, del vecchio progetto di fare la stazione ad Enna bassa, del raddoppio della PA CT. Sia chiaro, non è campanilismo. Palermo è la quinta città d’Italia e Catania la decima, sono unite a stento da una via ferrata che vale più o meno come una dose di dolce Euchessina. Una simile cosa viene considerata inaccettabile pure tra Vogogna e Cinisello Balsamo. Se la finissimo di accettare ancora caramelle da questi illustri sconosciuti probabilmente vivremmo almeno con la consapevolezza di non essere cittadini italiani e men che meno europei.

Sull'Autore

Giuseppe Maria Amato

Giuseppe Maria Amato

Consulente ambientale

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial