NientediPersonale.com

Cosa ci dice questo primo turno di elezioni francesi?

Cosa ci dice questo primo turno di elezioni francesi?
aprile 24
11:28 2017

Poche brevi considerazioni a botta calda sui risultati di questa prima tornata di elezioni francesi:

1.    i francesi sono un grande popolo che non si lascia intimidire o influenzare dalle aggressioni terroristiche: il dato dell’affluenza alle urne è quello di cinque anni fa e la Le Pen raccoglie quello che i sondaggi dicevano già prima dell’attentato degli Champs Eliseè.

2.    Anche in Francia si profila un mutamento del sistema politico con la dèbacle dei partiti storici: gollisti e socialisti, che, sino alle politiche del 2012, totalizzavano il 56% dei voti, oggi superano a stento il 25%
.

3.    A pagare il conto è soprattutto il partito socialista, ridotto al ruolo di lista di disturbo. Dopo 5 anni di cura Hollande, gli elettori del Ps si sono trasferiti in massa verso la Candidatura Macron e, in parte minore ma significativa, verso Melenchon. Il Ps ha virtualmente cessato si esistere e l’unica cosa che gli resta da fare è un congresso di scioglimento
.

4.    Anche i gollisti se la passano male, anche se non come i socialisti. Nel complesso, Fillon, il super preferito all’inizio della campagna, ha mantenuto un dignitosissimo 19,8%, nonostante gli scandali che lo hanno investito e che segnalano l’intervento della magistratura in queste elezioni. I gollisti, peraltro mantengono una struttura di partito ramificata sul territorio che avrà il suo peso nelle prossime politiche

5.    Macron ha avuto un successo innegabile, assorbendo la maggior parte dell’elettorato socialista (la cartina geografica segnala una coincidenza quasi perfetta fra i dipartimenti occidentali in cui ottiene i suoi risultati migliori e quelli in cui li otteneva il Ps) e probabilmente vincerà il ballottaggio, ma poi dovrà affrontare le elezioni politiche e lui non ha un partito. Raccogliere un successo elettorale sul nome di un personaggio più o meno carismatico è un conto, trovare centinaia di candidati per i corrispondenti collegi, se non hai una struttura organizzata, è un altro paio di maniche. Pertanto non è per nulla detto che il successo odierno di Macron si tradurrà in un corrispondente successo dei suoi candidati nelle politiche, anzi, sin d’ora è bene che il giovanotto si predisponga ad un governo di coalizione con i gollisti (i socialisti probabilmente li assorbirà nelle sue liste regalandogli qualche seggio di mancia, ringraziamento per il servigio reso impedendo a Melenchon di arrivare al ballottaggio).

6.    Mediocre il risultato della Le Pen nonostante quel 21% preso dalla candidata del Fn che va sommato un 5-6% dei candidati minori dell’estrema destra, il che porta le quotazioni della destra ad in 26-27%, il risultato migliore della destra nella storia della V repubblica. Ma siamo a livelli inferiori a quelli dell’inizio campagna che ridimensionano il fenomeno entro limiti largamente sub maggioritari.

Ragionevolmente la candidata del Fn uscirà battura dal ballottaggio, tuttavia sarebbe errato sottovalutare il rischio di un suo successo che, pur sempre esiste, anche se con meno probabilità del risultato opposto. Con l’adesione di socialisti e gollisti, Macron parte da un confortevole 50% teorico e qualcosa può raccogliere anche nell’elettorato di Melenchon che in maggioranza si asterrà. La Le Pen parte da quel 26-27%, per cui nojn dovrebbe esserci partita ma… ma c’è un ma.

Realisticamente la Le Pen non ha nessun possibile alleato salvo i minori di destra, però è facile prevedere che lei si rivolgerà direttamente all’elettorato dei vari partiti e non è affatto detto che non ottenga consensi nell’elettorato di Fillon che ha una componente di destra ed sensibile ai richiami dell’oltranzismo anti immigrati. Peraltro anche nell’elettorato di Melenchon le sue posizioni anti Europa potrebbero ottenere consensi. Nel complesso si tratterà di frazioni limitate ed è difficilissimo (ma non del tutto impossibile) che possa battere Macron. Il rischio maggiore è un altro: che al ballottaggio la Le Pen raggiunga il 40% il che potrebbe avere riflessi molto seri nelle politiche. Infatti quel 40% sarebbe di fatto del solo Fn, con uno sfondamento nell’elettorato dei “terzi esclusi”, mentre l’eventuale 60% di Macron sarebbe la risultante della confluenza di tre partiti (due se escludiamo gli inutili socialisti) per cui le candidature separate di gaullisti e macroniani potrebbero portare all’esclusione di molti di loro ai ballottaggi e dare la possibilità al Fn di raccogliere un consistente gruppo parlamentare.

7.    Buono il successo di Melenchon, anche se ha mancato di un soffio (circa il 2,5%) il secondo turno. Risultato in cui hanno giocato in piccola parte le inutilissime candidature di estrema sinistra (Nueau Parti Anticapitaliste e Lutte Ouvriere) che, comunque, hanno messo insieme meno del 2,5% necessario, ma soprattutto la candidatura di quel merluzzo scondito di Hamon. Ora il compito di Melenchon è preparare le politiche, radendo al suolo le eventuali candidature socialiste e, possibilmente, assorbendo qualcuna delle liste di estrema. Poi si potrà partire da una nuova aggregazione di sinistra vera. Va detto, però, che la volta scorsa, nel 2012, Melenchon prese quasi il doppio dei consensi che poi raccolse il suo Front de Gauche alle politiche.

8.    Il risultato generale macroscopico è quel quasi 45% di francesi che hanno votato candidati “antieuropei”: un livello altissimo che dice come questo voto non è un punto di arrivo, ma solo di partenza e che la Francia è la gamba zoppa dell’Unione Europea già da oggi. Le borse oggi sembrano premiare l’Euro, come segnale di scampato pericolo, ma avranno modo di ricredersi.

Sull'Autore

Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Ricercatore in Storia Contemporanea all’Università degli Studi di Milano

Articoli correlati

0 Commenti

Non ci sono ancora commenti!

Non ci sono commenti. Vuoi aggiungerne uno tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento

Iscriviti a NdP tramite e-mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo sito, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Rubriche

Commenti Recenti

Condivido pienamente la tua analisi...

La sinistra unita si forma sui contenuti fuori il Palazzo,non dentro il palazzo,e' quella sinistra...

Occorre scongiurare un ritorno del vecchio , incarnato da un centro destra, sempre più rancido...

Seguici su Twitter