NientediPersonale.com

Unione Europea a due velocità? Chi rimane dietro (o fuori)?

Unione Europea a due velocità? Chi rimane dietro (o fuori)?
febbraio 09
15:53 2017

L’Europa dei popoli era nata bene. I propositi erano i migliori. Le finalità erano chiare, guardavano alla pace, alle persone, ai popoli, appunto. Un progetto, un’ideale – forse – che nell’idea dei suoi promotori, Spinelli in testa, era stato pensato per costruire un sistema politico e sociale coeso, capace di scongiurare ogni possibile ritorno al passato, con le sue divisioni e i suoi egoismi.

Oggi, ci ritroviamo di fronte – o, meglio, in mezzo – a una disaggregazione che in nome della finanza (pubblica o privata) ha sacrificato quell’afflato di solidarietà umana e sociale che aveva giustificato la nascita e la crescita dell’Unione. Alle spinte solidaristiche si sono sostituite le spinte mercantilistiche. All’idea riformista si è preferita l’idea liberista, sostituendo il fine dell’uomo con il fine del profitto, che ha concepito persino l’affievolimento dei diritti e della dignità dell’uomo pur di realizzarsi.

Si è preteso di globalizzare il profitto di pochi e, con esso, la rinuncia delle tutele e dei diritti dei tanti, dei più. L’Europa ne è stata contaminata, perdendo quell’afflato di solidarietà che ne aveva distinto l’idea originaria. Così, sono stati concepiti Trattati funzionali al disegno. Sono stati concepiti strumenti come il Fiscal compact. L’Italia ha accettato un cambio della nostra moneta in euro in modo sproporzionato, pur di entrare nel “club”.

Ha, perfino, acconsentito di modificare la propria Costituzione – caso unico – per inserire il principio del “pareggio di bilancio”. Un principio in contrasto con lo spirito solidaristico della nostra Carta, ma funzionale alla politica del rigore (o dell’austerità), per la cui realizzazione fu chiamato un esecutore quale Monti. La politica del rigore, che – come diceva Keynes – non va praticata in fase di crisi, perché tagliando gli investimenti (spesa pubblica) e aumentando le tasse, si produce disoccupazione, con il conseguente crollo della domanda interna.

Oggi, se ne sono accorti tutti, ma molti, Germania in testa, rivelano la loro egoistica ostinazione per il rigore. Infatti, qual è la risposta? L’Europa a due velocità. L’Italia si è subito mostrata disponibile. Ma siamo certi che saremo chiamati a fare parte dei Paesi di “serie A”? Temo che non sia certo.

Anzi, la Merkel, si è affrettata – abilmente – a chiarire che non ci saranno “club esclusivi”, ma, piuttosto, che chi non vorrà far parte del gruppo “veloce” sarà libero di non aderire. Sarebbe interessante cogliere la differenza tra il creare il “club” e il concedere la libertà a non farvene parte. Non c’è. È come dire, liberi di entrare, ma vi consigliamo di non farlo. Non vorrei che ripetessimo lo stesso errore che si consumò con il cambio della moneta, quando pur di entrare si accettò l’inaccettabile.

Non vorrei che pur di entrare nel club, ci trovassimo a dover stare al passo di Paesi di “formula uno” con una berlina. Pensiamoci bene. In tempo. Credo, dunque, che l’idea della Merkel non sia quella di creare “due velocità” ma, piuttosto, quella di creare un gruppo esclusivo, a sé stante, tra i Paesi dell’Europa del nord, lasciando gli altri quali mere aree di mercato utili ai prodotti del club.

Allora, per quanto ci riguarda, la riflessione non dovrebbe essere sull’Europa a due velocità, ma su un sistema diverso (per non dire pre-Maastricht), che abbandoni un modello istituzionale ibrido (né federale né confederale di tipo classico) e promuova una confederazione in cui ciascun membro sia uguale agli altri, dove si decida all’unanimità sulle scelte di difesa e di politica estera comune.

L’Europa, torni a essere una grande area di mercato comune. E l’Italia cominci a guardare anche – o soprattutto – al Mediterraneo, in cui potrebbe svolgere un ruolo di guida per una politica di scambi culturali, sociali, economici, presupposti essenziali per la pace e la crescita di quest’area, tra tutti i Paesi che vi si affacciano.

Perseverare nell’ibrido europeo può essere diabolico e, forse, ulteriormente dannoso. Per buona pace di chi in Italia ha assecondato un disegno sbagliato e oggi ne incoraggia un altro probabilmente peggiore.

Condividi

Sull'Autore

Giuseppe Lauricella

Giuseppe Lauricella

Professore di diritto pubblico e costituzionale, avvocato cassazionista. Deputato nazionale del Partito Democratico. Commissione affari costituzionali.

Articoli correlati

0 Commenti

Non ci sono ancora commenti!

Non ci sono commenti. Vuoi aggiungerne uno tu?

Scrivi un commento

Scrivi un commento