NientediPersonale.com

La voce del padrone De Benedetti

La voce del padrone De Benedetti
luglio 13
08:06 2016

De Benedetti non rilascia interviste, parla attraverso il suo giornale, basta e avanza.

L’ha fatto solo quattro volte, in momenti cruciali, come ha tenuto lui stresso a ricordare.

Questa è la razza padrona, quella che crede di essere come il papa: infallibile quando si pronuncia ex cathedra.

La razza padrona che possiede i giornali quando rilascia interviste è ex cathedra, quindi non rilascia interviste per esprimere opinioni, ma detta indirizzi. Cioè dà ordini a quelli che non hanno ancora capito dalla linea del giornale.

E che ha detto ex cathedra la razza padrona? Che se Renzi non si sbriga a cambiare l’Italicum vota NO al referendum e gli smonta il pazziarello (trad.: giocattolo) con cui ha giocato per due anni.

La creatura (trad.: il bambino) si comporta appunto come una creatura che ha combinato un guaio: non se ne assume la responsabilità. Adesso “l’Italicum è una buona legge, ma il Parlamento è libero di cambiarla“, ma un anno fa “Non c’è cosa più democratica di mettere la fiducia. Se passa il governo va avanti, altrimenti va a casa. Cosa c’è di più democratico di chi rischia per le proprie idee? E’ tempo di coraggio, non di rimanere attaccati alle poltrone“. Un anno fa “o così o così”, ora “fate un po’ voi”.

Adesso si tratta di decidere chi è più rintronato: se Renzi che ha combinato il massacro o quelli che glielo hanno fatto fare.

Perché che l’Italicum fosse non solo una pessima legge, ma nemmeno funzionale agli interessi convergenti di Renzi e della razza padrona, era prevedibile già dal 2013, quando le elezioni ci hanno consegnato un’Italia spacchettata in tre. Quindi una potente tempesta di cervelli che riesce a concepire? Una legge elettorale pensata per il bipolarismo in un Paese che in realtà è elettoralmente tripolare. Complimenti.

Le emeroteche sono piene di avvertimenti a Renzi, ma lui se ne accorge solo ora, cioè quando si sveglia il padrone e insieme alla colazione ordina pure le modifiche all’Italicum. Complimenti pure alla razza padrona per i riflessi pronti.

Quindi in questa gara di rincoglioniti non saprei a chi consegnare la medaglia, anche se forse la razza padrona un punto l’ha messo a segno: distruggere la memoria storica di almeno due delle tradizioni politiche che erano confluite nel PD, cioè quella del PCI e quella della sinistra democristiana. Asfaltate completamente per lasciare il campo libero al liberismo più sfrenato e ai porci comodi di “lor signori”.

E’ gente che non cambierà mai: tutta presa dal “particulare” e dai propri interessi immediati, senza capacità di alzare lo sguardo all’orizzonte e di curare il destino della nazione: pagine e pagine accorate di intellettuali hanno raccontato questo vizio storico delle classi dominanti italiane, cioè assecondare e non guidare i processi e arraffare il risultato immediato, senza una visione lucida. Ma mi pare che in questo ultimo arco di storia i signori del vapore abbiano raggiunto l’acme della cialtroneria: chi ha accompagnato con la banda la marcia trionfale di Renzi mentre pasticciava i suoi capolavori di riforme? Io o Repubblica?

Ora fanno dire a Franceschini che la partita è tra “sistemici” (e complimenti pure al vocabolario) e forze antisistema. Ideona! Basta una ritoccatina all’Italicum e il tripolarismo torna bipolarismo e si è risolto il problema. E sempre senza il terzo incomodo di una sinistra di classe che rappresenti i lavoratori e si opponga efficacemente all’ordoliberismo dell’austerità a spese dei più deboli.

No, grazie, non è questo il mio “sistema”.

Sull'Autore

Lucia Del Grosso

Lucia Del Grosso

Cerca nel sito

Seguici su

Iscriviti al blog tramite email




live euronews

Commenti Recenti

Questo discorso sulla laurea in giurisprudenza è molto pernicioso. L'amministrazione prevede un sistema articolato...

Miccichè usci dal governo Lombardo lasciando aperta la porta agli inciuci di Lumia e Cracolici,...

Mi permetto di sottolineare che, se è vero che Armao sia stato uomo della squadra...

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial